mercoledì, settembre 19, 2007

..che triste..

A volte sembra di lottare con i mulini a vento...
Sono stato deluso lunedì sera e mi sono accorto che la strada da fare è ancora lunga.

Arrivato al palazzetto dello sport di Trebaseleghe c'era un forte odore di plastica bruciata, cosa strana da trovare in centro, purtroppo meno rara nelle campagne attorno al capoluogo.
Quando ho messo piede nel campo di calcetto l'aria era totalmente irrespirabile, ancor di più quando abbiamo iniziato a giocare.
Mi sono accorto che il falò era li a pochi metri, nella zona adibita fino a qualche giorno prima allo stand gastronomico della pro-loco.
Gridando ho cercato di far notare la cosa alle ombre che si vedevano in lontananza ma dopo 40 minuti invece di spegnerlo tutti abbiamo notato che il fuoco era stato rinvigorito e il fumo e l'odore continuava ad aumentare.
Alla fine siamo andati li in due, abbiamo trovato un uomo che rispondeva in modo evasivo e che stava controllando che i programmi della "Fiera dei Mussi" bruciassero a dovere.
Era carta plastificata...ma anche fosse stata carta normale...mi sembra esista la raccolta dalle nostre parti...
Solo dopo la nostra insistente richiesta è stato spento.

Trovo però imbarazzante sentire che la nostra zona è tra le migliori per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti quando poi mi si presentano scene del genere.
Che tristezza...


1 commento:

Venere ha detto...

Già..la solita mentalità contadina...raccolta differenziata??ma vaaa!! Bruza cussì te sparagni! e così non si pagano le tasse dell'etra.. Peccato che non siamo più negli anni 40 quando non esisteva la plastica...
Ah...beata ignoranza che ci sommergerà di spazzatura tutti!!